www.jooble-it.com

www.jooble-it.com

25/03/13

Annunci di lavoro truffa

In quanti di voi avranno letto su internet annunci di lavoro di società che cercavano impiegati o magazzinieri e poi si sono ritrovati a lavorare come venditore porta a porta? Se ancora non vi è capitato di imbattervi in una situazione simile, ecco qui di seguito quello che potrebbe accadervi dopo aver risposto ad una di queste inserzioni.

Come si accennava prima il web è pieno di annunci del tipo: "cercasi n° 2 segretarie e n° 6 magazzinieri", oppure "cercasi personale per immissione dati", o ancora "cercasi personale per nuovo punto commerciale" e via dicendo. Chiunque, specie di questi tempi, non potrebbe fare a meno di notarli e decidete di provarci, di contattare l'inserzionista. Entro pochi giorni verrete richiamati da una segretaria che vi fisserà un colloquio di lavoro con il responsabile dell'azienda, rassicurandovi sulla veridicità dell'annuncio.

Un primo indizio dell'ambiguità dell'annuncio sta nella società stessa. Nella maggior parte dei casi infatti difficilmente si troveranno notizie su di essa facendo una ricerca su internet. Nonostante questo decidete comunque di proseguire l'iter di selezione. Nel giorno prestabilito vi presentate al colloquio come concordato. Qui il responsabile comincerà con l'elencarvi quelli che "da tanti anni sono i nostri partner commerciali". Per lo più si tratterà di note aziende energetiche o telefoniche. Al che iniziate ad insospettirvi e iniziate a fare domande sulla mansione che dovreste svolgere e su dove è collocato il luogo di lavoro. Molto probabilmente vi verrà data una risposta evasiva, con pochissimi dettagli o comunque cercheranno di tranquillizzarvi sul fatto che si tratta dello stesso lavoro indicato nell'annuncio e che la sede è lo stesso edificio dove vi trovate in quel momento. A questo punto vi verrà proposta una giornata di prova, con un orario di lavoro che andrà dalle 8.30 del mattino circa fino alle 18.30.

Ed ecco un secondo indizio: con molta probabilità il giorno della prova vi verrà fornito un foglio con il quale vi verrà chiesto di assumervi tutta la responsabilità nel caso in cui vi dovesse succedere qualcosa e vi sarà comunicato che la giornata di lavoro è completamente gratuita. Successivamente verrete affidati ad una loro persona di fiducia, che avrà il compito di illustrarvi la vostra mansione.
Ma ecco il terzo indizio: il tutor vi inviterà a salire in auto. Come direbbe Antonio Lubrano, la domanda sorge spontanea: "Dove stiamo andando?". Vi sarà detto a questo punto che verrete portati a visitare l'azienda. Seppur sempre più dubbiosi decidete comunque di salire in auto. Si parte e in men che non si dica siete fuori città. Solo qui inizieranno lentamente a spiegarvi che in realtà state andando a fare lavoro di vendita porta a porta.

Anche la trasmissione "Le Iene" si è occupata di casi del tutto simili a quelli descritti in precedenza in una puntata (per rintracciarla fate una ricerca con le parole truffa lavoro o sfruttamento).  
Oltre a questa sorta di vademecum, il consiglio per evitare questo tipo di situazioni (ameno che non pensate che il porta a porta sia un lavoro che fa per voi) è quello di cercare di documentarvi sull'azienda che inserisce l'annuncio. Sono molti infatti i forum dove si parla di lavoro e non mancano sezioni dedicate a questi annunci-truffa dove vengono fatti i nomi delle imprese "sospette". Facendo attenzione però ad un altro aspetto: accade infatti che la stessa società possa creare dei profili spacciandosi per persone che abbiano già avuto esperienze lavorative, ovviamente più che positive, con la ditta stessa.

Fonte: http://informagiovaniatina.it/Blog/Annunci-di-lavoro-truffa

14/03/13